Rifiuti2021-04-29T16:53:44+01:00

Prima erano solo rifiuti da buttare. Ora sono risorse da valorizzare.

Un tempo i rifiuti non erano un problema, almeno non delle dimensioni presenti nell’era moderna.
Per disfarsi di un oggetto “bastava” gettarlo senza porre particolare attenzione a dove poteva finire e a cosa avrebbe potuto provocare (anche se l’abbandono incontrollato ha causato condizioni di scarsa igiene e, talvolta, epidemie incontrollate).
Ci avrebbe pensato “madre natura” ad eliminarlo in poco tempo o, comunque, a renderlo innocuo.
La rivoluzione industriale e il successivo sviluppo di nuove tecnologie di produzione ha radicalmente modificato lo stile di vita delle comunità più avanzate.
Nuovi oggetti e nuovi materiali sono stati creati per rendere l’esistenza qualitativamente migliore e, in molti casi, per determinarne una maggiore longevità.
Una corsa al benessere divenuta sfrenata senza che ci fosse il tempo di riflettere sulle reali conseguenze che tutto ciò avrebbe potuto causare.
Ci siamo ritrovati sommersi dai rifiuti non sapendo più dove metterli e, oltretutto, provocando non di rado veri e propri disastri ambientali con rischi reali per la sopravvivenza dell’eco-sistema.
Dapprima abbiamo provato a perfezionare la raccolta indiscriminata dei rifiuti indifferenziati utilizzando le discariche.
Con gli inceneritori si pensava di avere risolto il problema del dimensionamento degli oggetti ritenuti non più utilizzabili, immettendo però nell’ambiente sostanze nocive attraverso emissioni che necessitano di monitoraggi e controlli quotidiani, accurati e particolarmente dispendiosi.
Sensibilizzare i cittadini sull’importanza e la delicatezza del tema “rifiuti” e renderli partecipi e protagonisti del sistema di gestione (in primis limitandone la produzione) è stato il passo successivo accompagnato dalla promulgazione di norme specifiche.
Oggi separare i rifiuti prodotti nelle proprie abitazioni non è solo un dovere civile ma è anche un obbligo stabilito dal
legislatore.
Ai Comuni spetta il compito di garantirne la raccolta dei materiali differenziati e il successivo avvio agli impianti di smaltimento perché si possano riutilizzare e riciclare.

Contattaci per saperne di più!
Torna in cima